Non sarà meglio il “Default”? – 2

Sul Corriere della Sera del 9 dicembre leggo un articolo di Mario Sensini che conferma quanto scrivevo nel post precedente.

Dice dunque Sensini: “Tra la crisi del governo Berlusconi e la nascita del nuovo esecutivo, l’impennata dei tassi ha prodotto una maggior spesa accertata per gli interessi sul debito, nel prossimno triennio,di 23 – 24 miliardi“.

Mi sembra che la manovra economica del governo Monti sia dell’ordine dei 25 miliardi di nuove entrate. Il conto dunque è facile: servirà giusta giusta a pagare gli interessi imprevisti, ma il debito rimarrà quello.

Serviranno ancora manovre, ancora tasse e questo aggraverà la recessione. La crisi si avviterà su se stessa, come un cane che si morde la coda:  sfiducia dei mercati e tassi in crescita, nuove tasse per pagare i nuovi interessi senza riuscire a ridurre l’indebitamento.

Fino a che l’edificio fragile dell’euro finirà per sgretolarsi e noi rimarremo dissanguati e senza fiato. Non sarebbe meglio farlo crollare ora a lasciarci un po’ di fiato in corpo?

 

Condividi l'articolo

2 commenti su “Non sarà meglio il “Default”? – 2

  • Assolutamente d’accordo.
    Serviranno ancora manovre, è vero, ed è già stato detto.
    Altre manovre che impoveriranno i cittadini e porteranno come ovvia conseguenza ad una ulteriore depressione dei consumi (vedi aumento IVA).
    Siamo destinati a fallire..ma non prima di aver sputato parecchio sangue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.