Fedeli d’Amore

“… Pensando a ciò che m’era apparuto, proposi di farlo sentire a molti li quali erano famosi trovatori in quello tempo: e con ciò… proposi da fare uno sonetto, ne lo quale io salutasse tutti li Fedeli d’Amore…” (Dante, Vita Nuova, III,9).
Non so comporre sonetti, ma  tutte le cose che scrivo sono rivolte ai Fedeli d’Amore. Ovunque siano sapranno riconoscerle. A loro rivolgo il mio saluto.

Condividi l'articolo

2 commenti su “Fedeli d’Amore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.