Siamo eterni 1

 

“Pensate che trasformazione avverrebbe se ci svegliassimo un giorno illuminati da un’improvvisa foglorazione, immersi nel battesimo di fuoco dello Spirito Santo che tutti attendiamo, e comprendessimo che siamo eterni! In un corpo che deperisce, in una mente, in una volontà, in una parte emotiva in continuo cambiamento, io sono eterno. Nel momento di tenebra io sono sempre un punto di luce, nei momenti di disperazione capisco che ciò che avviene intorno a me mi riguarda perché lo sento, ma non incide nella parte eterna del mio essere. Allora, forse, il nostro vero io è questa parte eterna del nostro essere. Quando tutto il mutevole, tutto ciò che cambia e si trasforma sarà assorbito da questo centro eterno del nostro essere, allora saremo pienamente liberi: non avremo paura né della vita né della morte, né del successo né dell’insuccesso, né della bellezza, né della bruttura, ma saremo permanenti in qualcosa che è in noi ancora allo stato germinale e non è affiorato perché ci lasciamo prendere da tutte le forze che ci portano all’esterno”.

padre Giovanni Vannucci (un testo inedito pubblicato postumo in:  Giovanni Vannucci “Cristo e la libertà“, Fraternità di Romena, casa editrice, 2009)

Queste parole risuonano analoghe a quelle scritte da un altro mistico, il padre Johannes Kopp, che ha fatto dell’incontro fra Cristianesimo e Zen il grande obiettivo della sua vita: “Che fa un essere umano quando completamente e senza ombra di dubbio ed anche senza alcuna possibilità di dubitare diviene consapevole di essere infinito?”

Johannes Kopp (“Così la neve al sol si disigilla” Edizioni Appunti di viaggio, 2001)

Siamo esseri eterni,  angeli di luce che emanano dallo Spirito universale e a Lui ritornano dopo un percorso nel mondo della manifestazione, chiamati a depositarvi il seme luminoso che trasportiamo in noi. E’ questo lo scopo del nostro viaggio: portare una scintilla per trasfigurare la terra ed i suoi abitanti. “Così la neve al sol si disigilla“: nella consapevolezza della nostra essenza eterna ed infinita, la nostra anima si libera dai legami e contempla la natura perfetta da cui proviene. E’ questo il significato del “bacio” con cui si apre il Cantico dei Cantici, il manuale esoterico della mistica antica.

Condividi l'articolo

1 commento su “Siamo eterni 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.