Quale è la Parola?

Prima di accostarsi al mistero profondo dell’Eucaristia invochiamo l’Eterno perchè pronunci una Parola:

Domine non sum dignus ut intres sub tectum meum, sed tantum dic Verbum et sanabitur anima mea”  – “Signore non sono degno che tu entri sotto il mio tetto, ma di’ soltanto una Parola ed io sarò salvato/a”.

La traduzione che ne viene fatta nel testo della messa in italiano è diversa e molto più banale: “Signore non sono degno di partecipare alla Tua mensa…“.

Ma non è questo che ci interessa.

Ci interessa sapere una cosa sola.

Quale è questa unica Parola?

E’ il nostro Nome.

 

27_pulpito copia

 

Condividi l'articolo

4 commenti su “Quale è la Parola?

  • Ho letto (tardivamente) Il segreto di San Miniato. E’ un testo pregevole, intenso e di squisita profondità. Anche in questo post parla di λόγος, così come splendidamente ne ha percorso i significati possibili e misteriosi nel romanzo. Credo davvero che le sue abilità si estendano in maniera comparativa tra varie scienze ed arti, non da ultime la filologia e la teologia. Mi riservo di leggere presto anche gli altri suoi scritti. Lei spalanca mondi infiniti sullo spirito.
    Ad majora.
    S

  • Come si dice correttamente: “tantum dic verbo” oppure “tantum dic verbum”, ho letto entrambe le scritture. Grazie.

    • Beh credo proprio che si dica “dic verbum” (“di’ una parola”) e non certo “dic verbo”; infatti nella frase “parola” (verbum) è complemento oggetto; in latino va dunque in accusativo “verbum”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.