La Chiesa fiorentina di Elia Dalla Costa

Elia Dalla Costa era veneto, nato a Villaverla nel 1887. Nel 1931 diventò vescovo di Firenze. Il popolo della città imparò ben presto ad apprezzarne ed ammirarne la spiritualità, l’inflessibilità morale, la coerenza di una vita cristiana. Nel 1938 in una lettera pastorale criticò le leggi razziali; nello stesso anno rifiutò di partecipare alla visita[…]

Moschea ed affari a Firenze

    Il no del sindaco di Scandicci, seguito dall’avallo di Renzi, ad una moschea da farsi sul territorio comunale di Firenze mi è di difficile comprensione. A parole tutti ammettono che i 30.000 musulmani fiorentini hanno diritto ad un edificio di culto, ma ogni volta che qualcuno propone un luogo dove collocarlo, ecco scatenarsi[…]

Ave Maria

  Preghiera antichissima l’Ave Maria, divisa in due parti apparentemente fra loro scollegate. L’origine della prima parte, il saluto angelico, risale forse al IV secolo; quella della seconda è più tarda, forse del XIII. Insieme le due parti formano un’invocazione a Maria che contiene un’energia pura e di potenza inimmaginabile. Quando viene ripetuta nel rosario, dieci[…]

immagini-quotidiano

Riguardo ad una migrazione epocale

    Dossier Immigrazione   di Renzo Manetti   Sul Corriere della Sera dell’11 dicembre 2016 è apparso un articolo di Fiorenza Sarzanini “Dossier Immigrazione”, del quale riporto la parte iniziale: “Sono 170 mila gli stranieri arrivati in Italia dall’inizio dell’anno, 17 mila gli espulsi e solo cinquemila i rimpatriati. Nell’anno più nero per i[…]

Ancora un colpo a Firenze, la mia città

Le Ferrovie, ad appalto in corso, cambiano idea e non intendono più realizzare la stazione interrata dell’Alta Velocità a Firenze. Eppure hanno già scavato il profondo cratere destinato ad accoglierla e i lavori sono un pezzo avanti. Così non solo a Firenze perderemmo un importante intervento di architettura contemporanea: a questo ci siamo abituati, la[…]

pulpito

Quale è la Parola?

Prima di accostarsi al mistero profondo dell’Eucaristia invochiamo l’Eterno perchè pronunci una Parola: “Domine non sum dignus ut intres sub tectum meum, sed tantum dic Verbum et sanabitur anima mea”  – “Signore non sono degno che tu entri sotto il mio tetto, ma di’ soltanto una Parola ed io sarò salvato/a”. La traduzione che ne[…]